1994 IL CAVALLO E IL CAPPUCCINO

Trasferimento da Milano alla Francia, in un  piccolo villaggio artigiano dell’Auvergne. Aperto con soci piccolo bar ristorante su strada. 

 

Un giorno ho detto: piuttosto che fare il gioco del cavallo e della carota per questo sistema di merda preferisco fare cappuccini

e lo dicevo da una posizione privilegiata: bella donna, bella casetta, bell’amante, bel lavoro, cari amici

qualcuno mi ha creduto e qualcuno no ma io sapevo che facevo sul serio

e così ho colto al volo l’occasione: acquisto in gruppo di locanda con bar in una paesino della Francia centrale

mi sono ritrovata a dare aria alle stanze, rammendare biancheria scopare il marciapiede e sistemare tavolini e ombrelloni

fare i cappuccini con una Cimbali rossa fuoriclasse.

Ma pochi perché lì in Auvergne bevono Pastisse fin dal mattino

DONNE
Eva Luna